Mascagni

Mascagni

È il 1930 quando Umberto Mascagni, con l’aiuto della moglie Elsa, apre una piccola bottega artigiana nel cuore di Bologna.

Nel 1933, Umberto ha l’intuizione che porta una rivoluzione nel modo d’interpretare il portaritratto, e crea la mitica ‘’Lumaghen’’ (lumachina): una cornice innovativa, che si distingue dal resto del mercato dei portafoto, costituita da una base in metallo che blocca con un semplice ed efficacissimo meccanismo una coppia di vetri. Non più, quindi, una foto racchiusa tra quattro spizze di asta, ma liberata dal consueto riquadro, per prendere rilevanza attraverso la sola trasparenza del vetro…

L’inventiva e la tenacia di Umberto vengono premiate, nel 1934.

Gli anni ’60 vedono una grossa espansione dell’azienda, sempre più affidata alla cura del figlio di Umberto, Mario, coadiuvato dalla moglie Nella. In questo periodo la Mascagni diventa il principale produttore di cornici di foto d’Europa.

Nel 1964 a Milano ha luogo la prima edizione del Macef (Mostra Mercato degli articoli per la casa, cristallerie, ceramiche, ferramenta e utensileria), la Mascagni presenta per la prima volta le sue opere in un’esibizione internazionale. Il successo è clamoroso!

Nel 2010, nell’ambito delle celebrazioni del novantesimo del Macef, la Mascagni è stata insignita di un premio come una delle tre aziende italiane ad avere partecipato a tutte le edizioni di questa prestigiosa fiera.
L’azienda, ora diretta da Michele Mascagni, si è trasformata in una realtà moderna con una forte propensione all’innovazione. Si avvale della collaborazione di eccelsi designers e tramite una rete capillare di distributori specializzati vende in tutto il mondo.